Anteprima

Vi presentiamo in anteprima assoluta le prime foto della nuovissima Haibike SDuro HardNine 5.0!

La Haibike SDuro HardNine 5.0, modello 2019, è bella e con dettagli intelligenti. La piena integrazione della batteria Yamaha rivela come Haibike abbia in serbo qualcosa di completamente nuovo per i modelli 2019 con la batteria 500 Wh Yamaha InTube.
Il nuovo display della casa giapponese è aggiornato e convince sia dal punto di vista visivo che ergonomico.

Breve scheda tecnica
Motore Yamaha PW-SE
Batteria 500Wh Yamaha InTube completamente integrata
Nuovo display Yamaha
Pedivelle rigide in tre gradi a partire da 150 mm di lunghezza
Nuovo design dell’attacco manubrio

Grazie alla soluzione della batteria completamente integrata, per la casa tedesca è stato possibile adottare soluzioni intelligenti per i dettagli, attribuendo così con un valore aggiunto a questa bici elettrica da hardtail.
Questa scelta non solo migliora l’estetica della ebike, ma permette anche di posizionare il Modular Rail System (di cui abbiamo già parlato qui) sulla parte superiore del tubo obliquo del telaio.

La Haibike SDuro HardNine 5.0 modello 2019 monta una forcella Suntour, freni Tektro e sulle grandi ruote da 29″ si trovano pneumatici Schwalbe Smart Sam da 2,6″ di spessore.

Una nuova caratteristica è la posa del passaggio cavi. In passato, infatti, i problemi di sfregamento sul tubo sella causati dalle guaine dei cavi Bowden o dal cavo del freno si presentavano spesso. Qui gli ingegneri Haibike hanno montato i cavi sulla parte superiore dei foderi.
Particolare di rilievo è il paracatena con passacavo integrato sul lato destro della sezione posteriore.

Nuovo display Yamaha

La casa giapponese ha sviluppato un nuovo display con una vena più sportiva. Yamaha lo chiama semplicemente “Display A”.
A prima vista, assomiglia molto al display Purion della Bosch, ma si differenzia da esso per il funzionamento e la sensibilità: i due pulsanti di grandi dimensioni hanno un buon punto di pressione, che fornisce un’ottimo feedback quando si cambia la modalità di supporto.

Il display LCD possiede una leggibilità notevolmente migliorata. L’illuminazione è sempre attiva e quindi aumenta il contrasto anche in condizioni di scarsa luminosità.
Sul lato inferiore ci sono altri tre pulsanti: il pulsante On/Off, l’interruttore luci e l’aiuto al cambio.

Pedivelle corte

Haibike segue la tendenza per le pedivelle sempre più corte sulle mtb a pedalata assistita. A tale scopo ha sviluppato delle pedivelle proprie, che saranno disponibili in tre gradi ed in sei lunghezze diverse. Questa pedivella sarà disponibile nelle lunghezze 150/155/160/165/170/175 mm.
Tali pedivelle sono più larghe e più massicce rispetto ad una mountain bike normale, per meglio adattarsi alla posizione del motore ed alla minore distanza dal terreno delle ebike.
Haibike distingue le pedivelle nei tre gradi varianti:

  • La variante A è la versione più semplice delle pedivelle
  • La variante B ha un estrattore a manovella integrato
  • La variante C è dotata di estrattore a manovella e inserto in acciaio sulla filettatura del pedale.

Nuovo attacco manubrio

Già nel 2017 Haibike ha introdotto il manubrio con l’attacco “abbassato” per l’integrazione del display. Ora si fa un ulteriore passo avanti, e si nota che la caratteristica più evidente è l’assenza di tale integrazione.

Perché otticamente il manubrio non è montato davanti, ma un po’ sotto l’attacco, almeno otticamente. Interessanti sono anche i valori di serraggio, poiché i manubri spessi 31,8 mm vengono serrati su una larghezza di 50 mm. Questo garantisce un pozzetto rigido, anche quando il percorso si fa più ripido.

L’attacco manubrio ha sempre un’inclinazione di 6° e sarà disponibile in lunghezze di 50, 75 e 100 mm.

Gallery

Traduzione da emtb-news.de. Qui l’articolo originale.